Omologazione in Spagna: intervista a María José Iglesias

Omologazioni María José Iglesias

Come dicevamo nel precedente articolo Omologare la laurea in Spagna e nella pagina del nostro sito dedicata alla traduzione ufficiale omologazione della laurea in Spagna, cui rimandiamo, si rivolgono ogni anno a Giuritrad centinaia di laureati italiani in cerca di informazioni sulle omologazioni dei titoli di studio in Spagna.

Vista l’importanza dell’argomento e considerato che sono molte le confuse informazioni presenti su Internet in materia di omologazione ed equivalenza, abbiamo fatto un’intervista alla Dr.ssa María José Iglesias su questo argomento della “homologación” per farvi conocere tutte le novità del Ministerio de Educación spagnolo secondo la nuova normativa.

Ricordiamo che la Dott.ssa Iglesias è direttrice di Giuritrad, il nostro studio di traduzioni asseverate, e da tanti anni presta preziose informazioni aggiuntive (gratuitamente) per tutte le richieste di omologazione di titoli in Spagna.

Per motivi di estensione, abbiamo diviso l’intervista in due parti

Omologazioni dei Titoli: come era anni fa

María José, cosa è cambiato negli ultimi anni relativamente all’omologazione e all’equivalenza dei titoli di studio rispetto al passato?

Una decina di anni fa, avevamo iniziato a vedere arrivare nel nostro studio di traduzioni tantissime richieste di traduzioni ufficiali da parte di giovani laureati in Giurisprudenza in cerca di informazioni sulle omologazioni in Spagna. In particolare nel nord d’Italia, non riuscivano a superare l’esame di stato e di conseguenza non potevano iscriversi all’ordine degli avvocati ed esercitare in Italia la propria professione di avvocato. Dovevano trovare una soluzione.

Per molti, l’unica strada percorribile era la cosiddetta “via spagnola”, ovvero conseguire l’omologazione della laurea in Spagna.

Con questa finalità, compilavano l’apposito modulo di richiesta e rivolgevano domanda al Ministerio de Educación spagnolo assieme alle traduzioni in spagnolo dei documenti.

In quanto tempo rispondeva il Ministero?

Il Ministero impiegava 3-4 mesi a rispondere, valutava il piano di studi e indicava ai candidati quali esami sostenere presso l’università spagnola per omologare la laurea e anche la professione. Prima dell’omologazione definitiva, rilasciata l’omologazione condizionata al superamento di questo esame.

Questi piccoli esami (test a crocette), volti alle omologazioni dei titoli, versavano sul “Diritto positivo spagnolo” (jus in civitate positum), ma erano abbastanza facili da superare. Alcuni si presentavano all’esame – si chiamava “prueba de aptitud” – senza sapere praticamente lo spagnolo! Ma lo superavano.

Con il “certificado de aptitud” in mano, i nostri giovani laureati in Giurisprudenza conseguivamo più o meno facilmente l’omologazione della laurea in Giurisprudenza. Una volta omologata la laurea, potevano iscriversi subito presso il Colegio de Abogados in Spagna, diventando così “abogados” a tutti gli effetti.

Tuttavia questi avvocati riconosciuti in Spagna e iscritti a un ordine spagnolo non avevano la minima intenzione di rimanere in Spagna ad esercitare la professione di avvocato. Al contrario, tornavano in Italia come avvocati europei, potendo a quel punto iscriversi presso l’ordine degli avvocati italiano, in una sezione speciale detta degli “avvocati stabiliti”.

Dopo un periodo di tirocinio, con la laurea omologata, cominciavano ad esercitare veramente la professione di avvocato in Italia senza dover appoggiarsi ad altri studi legali.

Cosa è successo dopo? Una volta conseguita l’omologazione del titolo, i laureati italiani in giurisprudenza riuscivano a iscriversi presso il Colegio de Abogados?

Sì, ci riuscivano! Quello che è successo è che dall’Italia sono partiti per la Spagna migliaia di giovani laureati in Giurisprudenza, hanno riempito le tasche degli ordini spagnoli (colegios de abogados) conseguendo l’omologazione del titolo per un bel po’ di anni, fino ad un certo punto in cui il “gioco” è finito: la Spagna ha indurito i requisiti per le omologazioni dei titoli e poter diventare avvocato in territorio spagnolo, e da lì in poi le leggi spagnole in materia di omologazioni di titoli stranieri sono diventate più severe.

Omologazioni dei Titoli: come è adesso

La normativa aveva stabilito che per poter riconoscere non solo la laurea ma anche la professione, era necessario, in seguito al superamento della “prueba de aptitud” iscriversi a un master in Spagna.

Alcuni dei nostri giovani laureati in Giurisprudenza tenevano duro, andavano avanti, spendevano somme importanti, facevano gli esami, concludevano le loro omologazioni, dopo si iscrivevano al master… e poi… identica cosa: tornavano in Italia ad esercitare come avvocati, alla faccia di chi in Italia l’esame di stato lo aveva superato.

E allora come è stata risolta la questione della “homologación”?

Nel novembre 2014 è stata pubblicata nel BOE spagnolo (Boletín Oficial del Estado) – che sarebbe l’equivalente della Gazzetta Ufficiale italiana -, una profonda modifica alla legge in materia di homologación. Con il nuovo Regio Decreto, la Spagna ha deciso di non omologare più i titoli di laurea ma di riconoscere con l’omologazione unicamente le professioni regolamentate, quelle cioè che prevedono il superamento dell’esame di stato per esercitare la professione (con iscrizione all’albo).

È così tutt’ora la legge in materia di omologazioni dei titoli?

Sì, al momento è ancora così. L’omologazione della laurea può essere richiesta in Spagna solo se ci sono questi presupposti, ovvero se la professione del titolo che si desidera omologare è regolamentata. La professione regolamentata è quella che prevede l’iscrizione a un ordine professionale e il superamento dell’esame di stato che lo abilita professionalmente, nel Paese di origine, ad esercitare la professione.

Attualmente le omologazioni delle professioni in Spagna è a portata di una determinata categoria di individui, non di tutti. Chi non è iscritto a un albo professionale in Italia non può più richiedere l’omologazione della laurea ma l’equivalenza.

 

Hai bisogno della Traduzione Ufficiale della tua Laurea per l’Omologazione in Spagna?

TELEFONACI: TEL. 335 31 97 62

CHIAMACI ORA!

Tel. +39 335 31 97 62

©2018 Giuritrad Traduzioni Asseverate – Traduzioni Giurate | Prato della Valle, 105 – 35123 Padova | P.IVA: 03977090285

 Tel. +39 335 31 97 62 | privacy & cookies